IL CAMPO E L'AMBIENTE

Il campo è un par 34 (2215 m - 2422 yds) gestito dal Golf Club Roncegno Valsugana. Il percorso che si snoda lungo il torrente Larganza e il Brenta Vecchio a tratti attraversa boschi di fondovalle, in altri costeggia vigneti e frutteti; appassiona ogni giocatore che deve far buon uso di tutti i ferri presenti nella sacca.

L’impianto comprende anche driving range, putting green e pitching green ed è completato da sei campi da tennis in green set, un campo da calcetto in erba sintetica, un campo polivalente per basket/pallavolo e un parco giochi, il tutto servito da un grande parcheggio.

Tra i servizi, bar con terrazza, ampia sala riunioni, accoglienti spogliatoi con docce e sala deposito sacche.

Il percorso è un piccolo gioiello dal punto di vista paesaggistico e ambientale. 

A pochi metri dal Golf Club si trova il biotopo "Palude di Roncegno” sulla sponda occidentale del rio Chiavona, direttamente accessibile dalla pista ciclabile della Valsugana. Le caratteristiche principali di questa riserva sono la costante presenza di acqua e l'esistenza di uno degli ultimi ma più importanti boschi ripariali di fondovalle della Provincia Autonoma di Trento.

Le buche del campo da golf trovano comune denominatore nell’elemento acqua, tra il torrente Larganza e il Brenta Vecchio.  L'acqua cristallina del torrente Larganza sgorga direttamente dalle sorgenti del monte Fravort, a circa 1500 metri sopra Roncegno Terme, e forma varie cascate lungo il campo da golf.  Il Brenta Vecchio invece nasce dai laghi di Levico e Caldonazzo.

Per questi motivi e in mezzo a tale mondo naturale non è improbabile l’incontro con volatili quali il merlo acquaiolo, il germano reale o l’airone cinerino. Costeggiando frutteti e soprattutto i boschi di fondovalle è facile essere disturbati dal picchio rosso o dal picchio verde, sentire lo svolazzare dell’upupa, del porciglione e della cannaiola verdognola; più alti in cielo, ma sempre affascinanti, rimangono falchi e poiane.  Molti anche i mammiferi che a volte visitano il campo quali lepri, caprioli e più di rado cervi e piccole volpi.